A Luna Nammurata

[…] Juliàn quella sera salì su in soffitta, trovò un vecchio diario dove il nonno Carlitos appuntava le poesie che lui stesso scriveva. Venne incuriosito da una scritta nella lingua delle sue origini, il napoletano. Venne subito rapito dalle prime frasi, quel modo così diretto e semplice lo fecero immergere in quella pagina ingiallita. ‘a luna ‘nnamurata.
“mentre ‘o cielo sta pe cagnà culore, ‘o sole scustumato aize ‘ncuollo e se ne và a ‘nfonnere mmiezz ò mare. Pe nu fà restà sulo ò cielo, ce penza na bella luna chiena, ca vanitosa se specchia dint à ll’acqua. Guardannela cchiù bona, però, m’accorgo ca sta guardanne mmiezz ò mare pe capì addò a juto a fernì ò sole. Sta luna nnamurata m’è simpatica, a voglio aiutà! E iettannece na petruzzella cerco e fà nu pertuso a dinto all’acqua, ma chello ca riesco a ffà è sulo nu cerchio ca mano mano s’allarga e scumpare ‘nzieme à speranza e truvà ò sole. Ma sta luna ‘nnamurata è testarda e ò va a cercà fino all’orizzonte, llà addò a l’urdema linea do mare, addò se tocca ó cielo cu l’acqua. Spurgennese troppo assaie, però, sta luna nnamurata se bagna e mano mano se spegne. Visto sta scena, aesce ò sole areta a na muntagna e cu aria orgogliosa allucca à solita frase e tutte e matine:”luna, vieneme a cercà!”. Ma stavota nunn’è comm a tutte ‘e matine, e all’improvviso se sente na voce, proveniente da chell’ata parte do munno. E’ à luna, ca cu aria convincente dice na bucia:”aiere ‘ssera me so nnamurata e na stella, sarà meno splendente e te, sì, ma me vò bbene overamente!”. Allora ò sole, impaurito, a risponne ca solita frase, e alluccanne pe se fà sentì dice:”Luna, vieneme a cercà!” ma poi aggiunge sottovoce:”pecchè moro senza e te.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *